Mazda MX-30 2020: l’elettrica “quanto basta”

La nuova Mazda MX-30 2020 è il primo SUV 100% elettrico realizzato dalla casa giapponese. Un SUV con le dimensioni da SUV, ma con un pacco batterie che molte altre case automobilistiche hanno invece scelto di piazzare su citycar. E non è un errore, si tratta proprio di una scelta voluta dagli ingegneri di Hiroshima. Se vi piace o meno, sbizzarritevi nei commenti e già che ci siete, se vi piace il nostro canale iscrivetevi e attivate la campanella per non perdere nessun video.

Per ricaricare da 0 a 100 questa batteria i tecnici Mazda hanno comunicato che servono circa 14 ore con una normalissima presa domestica. Quindi, se davvero nel classico tragitto tra casa e lavoro più gli impegni quotidiani – ci mangiamo mediamente circa la metà della ricarica – è altrettanto vero che collegandoci alla rete ogni notte avremo modo di rifare il pieno con tempistiche dignitose. Il saldo totale di autonomia su percorsi combinati di questa Mazda MX-30 è quindi mediamente di 200 Km,  anche oltre, con punte di 250 se usiamo l’auto solo in città.

Insomma, sotto questa Mazda MX-30 lunga 4 metri e 40, c’è una batteria da 35,5 kW, la stessa capacità che per intenderci abbiamo incontrato sulla minuscola Honda e “nella scheda sopra il mio test drive”. I vantaggi però se ci pensiamo non mancano, almeno se siamo degli utilizzatori dell’auto molto urbani che bruciano ogni giorno, in media, tra i 50 e i 100 Km.

TEMPISTICHE DI RICARICA

COME LA RICARICO?QUANTO CI METTO?
A casa, con presa domestica “da 220”c/a 14 ore
Colonnina “normale” fino a 22 kWc/a 4-5 ore
Colonnina veloce fino a 50 kWc/a 40 minuti

Tutto vero. L’unica considerazione che ci sentiamo di fare è che un mezzo, un SUV di queste dimensioni, dal buon spazio per passeggeri e discreto per i bagagli (siamo quasi a 370 litri), forse avrebbe bisogno di una variante “long range” per godersi qualche chilometro in più.

PREZZI

ALLESTIMENTOA PARTIRE DA
ExecutiveDa 34.900 Euro
ExceedDa 37.600 Euro
ExclusiveDa 39.350 Euro

Anche perché le prestazioni consentono un ottimale vita extra-urbana – con uno sprint 0-100 chiuso sotto i 10 secondi. Dati interessanti se pensiamo che il motore elettrico che muove questa nuova MX-30 2020 sviluppa una potenza di 143 CV per una coppia di 265 Nm – più che sufficienti per portare a spasso con una certa disinvoltura un mezzo che sulla bilancia viaggia attorno alla tonnellata e 700 Kg.  

Gradevole il look esterno, un po’ in salsa coupé e che richiama in scala maggiore lo stile della più compatta Mazda 3, con la parte finale che scende raccordandosi con il bagagliaio. Anche qui, come visto qualche settimana fa con la Fiat 500 3+1 abbiamo la portiera laterale posteriore che si apre controvento senza il montante centrale. Un’idea furba che agevola l’accesso ai sedili posteriori e che sicuramente facilita l’installazione dei seggiolini per bambini.  

Minimal come si confà ad un’auto elettrica anche gli interni, tutto è a portata di mano e i comandi son disposti dove ci aspetteremmo di trovarli. Più originale invece la posizione dello schermo per le funzioni di infotainment – messo in basso proprio dietro la leva del cambio.

Per entrare più nei dettagli del comportamento di guida vi rimandiamo alla prova su strada che gireremo con l’auto in prova, ma quella che emerge guardando numeri e scheda è un’auto votata all’armonia tra massa, prestazioni e tanto tanto comfort – tasto sul quale Mazda ha sempre più puntato negli ultimi anni.

Concludendo: che ne pensate del nuovo SUV di casa Mazda? Scrivetelo nei commenti, condividete questo video se vi è piaciuto e seguiteci sui nostri canali Social.

Due parole sull’autore /

Di Roma e “della Roma”, Classe 1981. Da piccolo sognavo di scrivere per la “profumata e romantica” carta stampata, ma il destino e un po’ di fortuna mi hanno portato prima in TV e poi su Internet! In rete ho scoperto un ruolo del quale ignoravo l’esistenza: il “Content Provider”. E così negli ultimi anni ho scritto, realizzato video, viaggiato e guidato le auto più belle del mondo per Yahoo!, poi per Michelin e adesso per Automobile.it. In mezzo tante collaborazioni con Autoblog.it, Infomotori.com etc. E il futuro chissà, intanto cerco di fare quello che forse mi riesce meglio: raccontare le auto, anche con ilTestDrive.it!

Digita l’argomento che stai cercando e premi invio/enter per leggere i risultati