Mercedes Classe A250e: il “best seller” mette la spina

E’ praticamente impossibile trovare brand che non abbiano almeno un modello elettrificato in listino. E anche Mercedes non fa eccezione e si mette in gioco addirittura con il best-seller Classe A che, in questo caso non è semplicemente ibrido – ma ibrido plug-in. Cioè parliamo di un mezzo ricaricabile anche a casa, o comunque da una colonnina di ricarica e capace di viaggiare anche in modalità 100% elettrica. Insomma un modo geniale, o furbo, come dirà qualcuno per radere al suolo emissioni e consumi.

La Mercedes Classe A ormai – nella sua ultima interpretazione e generazione la conosciamo benissimo. Il design, la cura delle finiture, la tecnologia di bordo – il sistema di infotainment tra i migliori in circolazione con tanto di assistente vocale etc. Quindi con questa Classe 250e vogliamo soffermarci sulle caratteristiche tecniche di quest’auto, sul prezzo finale e sulla convenienza in fatto di consumi.

Le batterie, da 15,6 kW sono state posizionate tra i sedili posteriori e il fondo del bagagliaio. Completamente rivista quindi la conformazione della piattaforma della vettura tedesca, con tanto di sistema di scarico che su questa ibrida è stato accorciato e che “rilascia i fumi” proprio sotto l’auto, più o meno in mezzo – e non come farebbe credere lo scarico cromato posteriore che, di fatto, è lì per bellezza.

In tutto abbiamo sei modalità di guida che possiamo scegliere dal mitico selettore, presente su tutti i modelli della Stella. Tra le feature realizzate ad hoc per questa Classe A ce n’è una molto interessante chiamata Battery Level. Con questa possiamo mantenere carica la batteria, senza sprecarla viaggiando fuori città ad andature elevate e preservandola per usarla una volta giunti in centro città.

Non mancano poi i grandi classici Setup, ECO – che migliora anche la funziona di recupero di energia in fase di rallentamento o la “mitica” Sport che sfrutta sia il motore termico che elettrico regalando le prestazioni più divertente, anche grazie alla risposta delle marce tirate del cambio automatico a 8 marce.

Con la batteria carica al 100% si può contare su circa 60 Km di autonomia solo elettrici e a zero emissioni. Mentre per quanto riguarda le tempistiche di ricarica ci rifacciamo ai 3 cavia che Mercedes mette a disposizione.

Di serie abbiamo quello “normale” collegabile ad una normale presa domestica e quello per le colonnine pubbliche da 3,7 kW – mentre in optional c’è quello da 7,4 kW che consente, sempre in esterno ricariche più rapide, meno di 2 ore per un pieno completo per ricaricare la batteria. Probabilmente la miglior soluzione resta quella domestica, in cui basta lasciare collegata la nostra Mercedes di notte e ritrovarla la mattina con la batteria al 100% – il tutto spendendo poco più di 2 Euro di elettricità.   

La differenza più evidente tra una 250 normale e una 250 ibrida, sta ovviamente nel prezzo: circa 3.500 comunque non un’enormità. Che tra consumi ridotti della versione plug-in, l’esenzione dal pagamento delle strisce blu o del bollo auto – rischia di essere una scelta non solo politicamente corretta, ma addirittura conveniente. Nel Lazio, dove c’è la nostra Redazione è prevista l’esenzione dal pagamento del bollo per 3 anni dall’anno dell’immatricolazione. Un risparmio che guardando alla 250 non ibrida sfiora i 1.700 Euro. Un risparmio che continua guardando ai consumi che sulla 250e viaggiano quasi sulla metà della gemella solo a benzina.  

Rispetto ad una Mercedes Classe A250 con motore benzina qui si perde qualche litro nel vano di carico, ma considerato che i tecnici tedeschi hanno dovuto faticare parecchio per trovare un posto per piazzare le batterie si tratta di un perdita di poco conto. Molto piacevole il confronto invece per quella che è la risposta del motore e qui emerge l’alleanza tra motore termico ed elettrico. Sotto il cofano abbiamo quindi il solito 1.3 turbo benzina da 160 CV abbinato all’unità elettrica da 102. La somma, com’è noto, non si fa – ma dalla combinazione delle due unità abbiamo circa 218 CV per una dato di coppia di 450 Nm. Accelerazione da 0 a 100 Km/h in 6,9” per una velocità massima di 235 Km/h. Il cambio è automatico a 8 marce.

Due parole sull’autore /

Di Roma e “della Roma”, Classe 1981. Da piccolo sognavo di scrivere per la “profumata e romantica” carta stampata, ma il destino e un po’ di fortuna mi hanno portato prima in TV e poi su Internet! In rete ho scoperto un ruolo del quale ignoravo l’esistenza: il “Content Provider”. E così negli ultimi anni ho scritto, realizzato video, viaggiato e guidato le auto più belle del mondo per Yahoo!, poi per Michelin e adesso per Automobile.it. In mezzo tante collaborazioni con Autoblog.it, Infomotori.com etc. E il futuro chissà, intanto cerco di fare quello che forse mi riesce meglio: raccontare le auto, anche con ilTestDrive.it!

Digita l’argomento che stai cercando e premi invio/enter per leggere i risultati